COMUNICATO UFFICIALE BRIGATE DELLA SOLIDARIETÀ ATTIVA.

0
257
COMUNICATO UFFICIALE BRIGATE DELLA SOLIDARIETÀ ATTIVA.
Meglio tardi che mai…
Non è nostra abitudine intervenire pubblicamente mentre operiamo in una situazione di emergenza. Lo facciamo dopo aver praticato solidarietà a testa bassa dal 24 agosto cercando di dare risposte concrete a bisogni concreti. Lo facciamo soprattutto per raccontare ciò che vediamo e ciò che ci viene chiesto dalle popolazioni colpite dal Sisma.
Noi abbiamo sempre saputo che la popolazione colpita dal terremoto degli appennini, o almeno una sua parte, non avrebbe abbandonato quelle terre e la sua comunità. Lo sappiamo perché lo abbiamo visto e perché ce lo raccontano le mille storie delle persone
cui stiamo a fianco giorno dopo giorno. Non è il nostro metodo quello di far polemica rispetto ad una situazione di difficoltà. Segnaliamo però con forza che anche negli interventi di emergenza deve essere fondamentale il rispetto dei cittadini, ai quali oggi va garantita nel più breve tempo possibile la massima assistenza nell’esercizio del diritto di
scelta.
Fin da subito andavano consegnate Casette Mobili (o container). In questa maniera la vita sociale di queste persone, la loro economia rurale, la loro comunità, almeno in parte avrebbe mantenuto vitalità e radici. E’ questo secondo noi è il primo passo per pensare alla ricostruzione. Oltre un mese fa consegnammo una casetta mobile proprio per questo
motivo, sostenendo un principio molto semplice: “se noi, che siamo una piccola associazione, riusciamo a trovare le risorse per portare una casetta mobile, lo Stato che è
mille volte più organizzato e più potente perché non ne ha portate già cento per la popolazione di questo cratere, per le quali sarebbe un grosso danno spostarsi?”.
Decidere di saltare quella fase per andare direttamente ai villaggi SAE a primavera è stato
un errore. Oggi il governo è tornato sui sui passi grazie anche alle pressioni della popolazione. Ci auguriamo che i promessi container arrivino prima che la neve paralizzi l’intero cratere.
Per approfondire il tema e visionare il racconto del nostro intervento sul campo:
https://www.facebook.com/terremotocentroitalia/?fref=ts
http://brigatesolidarietaattiva.net/