20 giugno 2011 – Mobilitazione nazionale contro il confinamento e per l’accoglienza degna

0
35

Il 20 giugno 2011 si celebra la giornata mondiale del rifugiato.
Non sarà una giornata come le altre.
Il nostro paese infatti è travolto da un’emergenza. Non per gli sbarchi, non per il numero dei migranti approdato sulle nostre coste.
Si tratta invece di una emergenza democratica, una emergenza accoglienza, un’emergenza dignità e giustizia, creata da questo Governo con le sue scelte scellerate, ancora una volta, per giocare sulla pelle dei migranti la sua partita.
Hanno istituito CIE temporanei in cui le condizioni di vita sono invivibili. Stanno trattenendo illegalmente i migranti senza il rispetto dei principi costituzionali, senza garanzie di difesa, fuori da ogni protocollo, in deroga all’ordinamento giuridico nazionale ed alle direttive europee. Hanno oscurato agli occhi del Paese ciò che avviene all’interno dei CIE e dei CARA. Hanno costruito tendopoli disumane. Intorno all’emergenza finta hanno costruito anche l’accoglienza finta, mettendo all’angolo i circuiti del sistema SPRAR per dare corpo ad un sistema di distribuzione dei migranti che non prevede diritti e garanzie abbandonando i cosiddetti “profughi” ad un destino senza prospettive. Intanto le Commissioni tardano a procedere con l’esame delle domande. Hanno abbandonato ancora una volta l’Isola di Lampedusa creando lì e altrove tante piccole e grandi situazioni di ingiustizia e di conflitto, per alimentare la retorica dell’invasione. Alcune Regioni hanno scatenato un dibattito infuocato contro l’accoglienza pur avendo sottoscritto il Piano del Governo. Non esiste nessuna garanzia di ospitalità per i migranti tunisini titolari del permesso umanitario nonostante il Piano del governo lo preveda. Hanno rimpatriato e respinto, pattugliato e stretto accordi ed intanto nel mare che ci separa dall’altra sponda del Mediterraneo si muore. Negli ultimi 4 mesi un numero di morti senza precedenti nel mare più frequentato del mondo a causa della guerra contro Gheddafi.
Le rivolte ed i conflitti del Nordafrica si sono trasformati nell’ennesima occasione per ridisegnare la mappa del confinamento dei migranti in un Paese che invece aveva bisogno di nuove pratiche di accoglienza, di una spinta per la costruzione di un vero diritto d’asilo europeo, di una nuova normativa sull’immigrazione, di nuovi diritti di cittadinanza.
Per questo facciamo appello a tutti, perché il prossimo 20 giugno 2011 i tanti luoghi del confinamento presenti in questo paese, le strade, le piazze, siano attraversate da un vento diverso.
Per una giornata di mobilitazione contro il confinamento e per l’accoglienza degna.
RETE WELCOME
ARCI
BRIGATE DELLA SOLIDARIETA’ ATTIVA
RETE PER AUTORGANIZZAZIONE POPOLARE
per adesioni: [email protected]
SHARE
Previous article[FINIS TERRAE] Un pò di storia del campo di Manduria
Next articlePalazzo san Gervasio: la Guantanamo italiana costruita di nascosto persino alla regione Basilicata